Quanto dura un impianto fotovoltaico: 20 – 25 – 30 o 40 anni?

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

La scelta di installare un impianto fotovoltaico su un edificio è solitamente frutto di una lunga riflessione, durante la quale si cerca di trovare un corretto bilanciamento tra costi e benefici dello stesso.

Prima di procedere con l’acquisto inoltre, è molto comune chiedersi quale possa essere l’effettiva durata dell’impianto fotovoltaico e di tutte le sue componenti, per comprendere ancora più a fondo se vale davvero la pena o meno optare per quel tipo di investimento.

Purtroppo siamo abituati al calo di performance ed alla breve durata dei prodotti elettronici, quindi ci aspettiamo quasi inconsciamente che anche per i pannelli fotovoltaici valga lo stesso discorso. Anche se, come vedremo, non è proprio così.

Essi perdono ogni anno lo 0,5 % di potenza, percentuale che fino ai primi 25 anni di attività non influisce granché sul corretto funzionamento dell’impianto e sulla produzione di energia.

Dato che la tecnologia è in continuo avanzamento, i materiali sono sempre più resistenti, i sistemi di cablaggio e di produzione dell’energia più innovativi, gli impianti solari di oggi sono molto più duraturi nel tempo rispetto a quelli di vecchia generazione.

L’attività media di un impianto fotovoltaico dura all’incirca 30 anni.

Effettuando una corretta manutenzione ordinaria e una pulizia dei pannelli quando è necessario, è possibile preservare la vita dell’impianto ancora più a lungo.

Durata pannelli solari termici

Rispetto ai pannelli che producono energia elettrica, quelli termici (ovvero quelli usati per il riscaldamento) hanno una vita media di 15-20 anni, a patto che la manutenzione ordinaria sia effettuata con una certa cadenza:

  • ogni due anni è infatti necessario controllare la concentrazione antigelo, la quantità e il ph del liquido termovettore,
  • ogni due anni bisogna inoltre assicurarsi che tutte le componenti funzionino correttamente, facendo un checkup completo, partendo dalle valvole di sicurezza e dagli anodi di magnesio,
  • quando è necessario infine, bisogna effettuare la pulizia ordinaria dei vetri di copertura dei pannelli solari.

Quanto dura un inverter fotovoltaico

Discorso a parte va fatto per l’inverter che, essendo composto da parti elettromeccaniche facilmente deperibili e soggette a surriscaldamento, dura meno rispetto ai pannelli solari.

Durante tutto il tempo di attività di un impianto infatti, l’inverter potrà essere sostituito più volte.

Solitamente questi congegni sono garantiti per 5 o 10 anni, a seconda del brand e della loro qualità.

In condizioni normali, un inverter può funzionare al meglio anche per 10 anni, a meno che non si scelga di comprarne uno scadente ed economico.

L’inverter è il cuore dell’impianto fotovoltaico, poiché è solo grazie ad esso che l’energia fotovoltaica prodotta dai pannelli può essere convertita in energia elettrica, per questo è importante preservare la sua attività collocandolo in un luogo asciutto e controllandone di tanto in tanto la funzionalità.

Per prolungare maggiormente la durata dell’inverter, il progresso tecnologico sta conducendo verso la realizzazione di micro-inverter con sistemi innovativi, più performanti, ma anche più duraturi. 

Quanto rende un impianto fotovoltaico?

Il rendimento di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:

  • qualità e livello di funzionamento dei pezzi che lo compongono (inverter, accumulatori, moduli, cablature ecc);
  • sito dell’installazione, corretta inclinazione e buona esposizione solare;
  • assenza di sporco e detriti sulla superficie dei pannelli.

Individuato quindi il posto giusto in cui collocare l’impianto, scelta la modalità d’installazione con un’inclinazione ideale dei pannelli e messe in pratica alcune regole di manutenzione ordinaria, è possibile ottenere dal proprio impianto fotovoltaico un’ottima resa.

Col passare del tempo avviene un fisiologico calo di performance da parte delle componenti elettroniche che influisce sulla resa dell’impianto. 

Niente paura, si tratta di una percentuale minima che, come detto in precedenza, si attesta più o meno sullo 0,5% ogni anno.

Ecco perché gli impianti fotovoltaici sono coperti da garanzie specifiche, che riguardano sia i prodotti che la resa.

A proposito di quest’ultima, sulla garanzia deve essere specificata la percentuale di resa minima dell’impianto:

  • 95% per i primi 10 anni;
  • 90% 10 anni;
  • 80% dopo 20 anni.

Smaltire i pannelli fotovoltaici, cosa succede tra 30 anni?

Anche se la durata dell’impianto è molto lunga, è giusto sapere come smaltire i pannelli fotovoltaici, una volta esaurito il loro funzionamento.

I pannelli moderni sono completamente costituiti da materiali non inquinanti e riciclabili, quindi il loro smaltimento non è una cosa difficile da mettere in atto.

Alla stessa maniera degli elettrodomestici, anche i pannelli solari vengono smaltiti come RAEE (Rifiuto di Apparecchiatura Elettrica ed Elettronica), così come stabilito dal Decreto Legislativo n. 49/2014 e come regolato dai singoli comuni: alcuni effettuano la raccolta porta a porta ed altri hanno isole ecologiche nelle quali è possibile depositare questo tipo di rifiuti.

Sfatiamo alcune leggende metropolitane sul Fotovoltaico

Dopo aver letto questo articolo, avrai sicuramente capito che non devi farti condizionare dalle dicerie di chi non conosce a fondo gli impianti solari e fotovoltaici.

Sfatiamo dunque alcune leggende metropolitane sul fotovoltaico.

  • Affidandosi ad aziende esperte ed autorizzate, la qualità e la resa dell’impianto sarà garantita per molti anni, non solo per i primi 5 o 10.
  • La produzione dell’impianto non cala improvvisamente da un giorno all’altro, ma avviene molto gradualmente, con una percentuale minima annuale (0,5%).
  • Lo smaltimento dei pannelli solari, i quali oggi sono realizzati in silicio (materiale riciclabile e non tossico), possono essere smaltiti come tutti i rifiuti di apparecchiatura elettrica ed elettronica (RAEE), senza dover ricorrere a nessun permesso speciale.
  • Se il tuo impianto è stato realizzato da un’azienda seria, i professionisti che in essa lavorano devono essere in grado di seguire le tue pratiche dal principio ed occuparsi anche del monitoraggio e della manutenzione una volta installato l’impianto.

A differenza di quanto si dice, i tecnici più seri e professionali, accorrono immediatamente a riparare eventuali malfunzionamenti.

Powerlog infatti garantisce un’assistenza costante prima, durante e dopo l’installazione dell’impianto fotovoltaico!

Rivolgiti ai nostri esperti anche solo per chiedere informazioni.

Lascia un Commento

SCOPRI I VANTAGGI DELL'ENERGIA SOLARE

INSTALLA IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO